NON PERDERE IL PROSSIMO ARTICOLO

http://pnicola.dxnitaly.com/

lunedì 5 settembre 2016

Bere caffe o non bere caffè


Bere caffè o non bere caffè? 



Per una persona bere caffè può considerarsi a volte un’ancora 
di salvezza, altre volte un danno. In questo articolo vedremo insieme quando può trattarsi dell’uno o dell’altro, in particolare le due modalità molto personali di affrontare il risveglio, la dose massima consigliata e i pro e contro del caffè che tutti gli imprenditori dovrebbero conoscere.

Ci sono diversi motivi per cui ci ritroviamo a bere caffè durante la giornata, e da veri italiani quali siamo, il caffè non è solo una bevanda, ma esprime essenzialmente un momento di pausa, la carica per iniziare, l’attimo prima per ricominciare.

Ci sono diversi motivi per cui le persone non dovrebbero mai dimenticarsi di prendere una tazzina di caffè, e al contrario ce ne sono altrettanti per i quali sarebbe preferibile evitare.

L’azione del caffè sulle nostre performance è soggettiva e dipende anche dalle abitudini che hai introdotto nella tua vita quotidiana e dalla prontezza che dimostri quando affronti le attività di tutti i giorni.

Vediamo nello specifico come fare per decidere se è davvero il momento del caffè, se questo può in quel dato momento aumentare le nostre prestazioni oppure se e quando, al contrario, potrebbe rivelarsi addirittura controproducente per la tua attività.

Bere caffè? Risveglio lento

Se sei la classica persona che al mattino necessita di un’ora buona per svegliarsi, che gradirebbe non gli fosse posta nessuna domanda fino al primo caffè, potresti ritrovare in questa bevanda il tuo attimo di pace meritato.

Per questo motivo ti suggerisco di ascoltare esattamente i segnali che il tuo corpo ti manda e svegliarti lentamente.

Se consideri il tuo primo caffè della giornata come un rito, un momento solo per te dal quale non vorresti essere interrotto da niente e nessuno è giusto che tu viva il risveglio delle tue migliori giornate come meglio credi.

Hai bisogno di un risveglio lento, o meglio, ti sei abituato a svegliarti lentamente e un risveglio brusco e veloce potrebbe rendere difficoltosa la giornata che ti aspetta.

Il rischio di questa personalità è di imbattersi in una totale dipendenza dalla caffeina, scaturita proprio dal bisogno di riprovare sempre più spesso quel sentimento di pace e di pausa che in alcune situazioni solo il caffè riesce a trasferire.

ci in questa personalità, ti occorre seguire un’unica indicazione che ti aiuterà a gestire il quantitativo di caffeina che introduci nel tuo corpo, che se esagerato rischierebbe di non permetterti di lavorare efficacemente.

Hai bisogno di conoscere i pro e i contro del caffè in modo da decidere con giudizio se, quando e quanto prenderlo.

Bere caffè? Risveglio immediato



Il secondo tipo di risveglio che caratterizza un imprenditore rappresenta invece uno scenario totalmente opposto.

Non appena suona la sveglia sei già pronto e reattivo per qualunque necessità. Parleresti già dal secondo dopo aver appoggiato il piede a terra e solitamente sei una persona iperorganizzata e in tutto e per tutto iperattiva.

Ovviamente sei sicuramente una persona che non può vivere senza caffè.

Se sei abituato a svegliarti in questo modo sentirai addirittura il bisogno di coinvolgere le/gli rispettivi compagne/gni ad un risveglio esattamente uguale al tuo, ma questo non sarà sempre possibile, proprio perché ognuno è diverso e necessita di affrontare una nuova giornata nel modo più consono e naturale.

Anche per questo risveglio più veloce, iniziare la giornata con un buon caffè non può che essere una buona abitudine, ma allo stesso modo della personalità più lenta a svegliarsi, occorre prestare molta attenzione a quelli che possono essere i danni nel prendere troppi caffè durante la giornata.

A maggior ragione perchè si tratta di una persona già naturalmente predisposta ad essere stimolata e recettiva, introdurre maggior quantitativi di caffeina potrebbe davvero comportare dei rischi, oltre che per la tua salute, anche per l’organizzazione delle tue attività lavorative.

Anche per questa tipologia di imprenditori è fondamentale conoscere i pro e contro che possono caratterizzare l’abitudine di fare pausa con innumerevoli caffè.

I Pro

Il caffè ha innumerevoli pro. Contribuisce a migliorare le nostre capacità cognitive e la memoria. Questo è un dato molto importante, è stato eseguito uno studio nel quale si è riscontrato che le persone che bevono abitualmente caffè sono maggiormente performanti e reattive verso le varie attività giornaliere.

Il caffè contribuisce a tenere alta l’attenzione e ad accorciare i tempi di reazione nella nostra vita quotidiana.

In più, contiene antiossidanti: sostanze naturali che aiutano a eliminare i danni che provocano i radicali liberi.

Bere caffè con moderazione contribuisce ad aumentare il senso di benessere e alcuni dati dimostrano che è in grado di diminuire la possibilità di riscontrare stati depressivi.

Bere un caffè vuol dire per la maggior parte delle persone prendersi una pausa ed è sano per ogni persona riconoscere quando è l’ora di dire “stop”.

Ricorda di fare sempre piccole pause e di non portarti mai allo sfinimento. Cerca di anticipare l’arrivo dello stress, di quella situazione che poi diventa difficile da gestire o recuperare. Organizza al meglio il tuo tempo, le scadenze e poniti degli obiettivi precisi e misubili.

Particolarmente se lavori molte ore davanti al pc, cerca di fare una piccola pausa ogni ora, e ovviamente evita di prenderti un caffè ad ogni pausa. 😉

Il caffè spesso diventa anche la “scusa” per vedere un amico o curare le proprie relazioni. Cerca di gestire al meglio il tuo tempo, senza trascurare le persone che fanno parte della tua vita perché a volte una mezz’ora trascorsa in buona compagnia davanti a un ottimo caffè aiuta ad affrontare la propria giornata e a lasciare andare la propria mente verso nuove idee e ambizioni.

Non prendere questo suggerimento come un invito ad esagerare con le pause e a trascurare il tuo lavoro, occorre conoscersi molto bene per capire fino a quale limite spingersi e se possibile cercate di non raggiungerlo mai.

Questo è il motivo per cui organizzare bene le tue pause può al contrario determinare un proposito tutt’altro che vizioso.

Come puoi notare il caffè è una bevanda che dimostra avere molti pro che una persona potrebbe sfruttare a proprio vantaggio per riuscire ad ottimizzare la propria attenzione, la propria memoria e la propria solerzia.

Bisogna però fare attenzione ai contro che scaturiscono principalmente da un’eccessiva assunzione di questa bevanda.
Occorre conoscere quale sia il proprio limite di caffeina da assumere per evitare di cadere in stati di agitazione, tachicardia o insonnia che potrebbero portarti a peggiorare non solo il tuo stato di salute ma anche la tua capacità di svolgere la tua attività di imprenditore al massimo delle tue capacità.

insieme quindi i contro del caffè, perché solo potendoli conoscere li saprai evitare riuscendo a gestire meglio le quantità di caffè della tua giornata.

I Contro

La dose consigliata in una dieta giornaliera è di 300 mg, ottenuta mediamente da 3 tazzine di caffè espresso o 6 tazze di thè.

Ciò che non si calcola però in questo conteggio e che diventa automaticamente un contro del bere caffè è che questo limite può essere oltrepassato se aggiungiamo alla nostra dieta quotidiana bevande che includono caffeina come la coca cola oppure cioccolato o alimenti che contengono all’interno cacao.

Occorre perciò prestare attenzione su questo punto, per una persona curare la propria alimentazione non è solo consigliato per preservare una maggiore salute ma anche per garantire una migliore attenzione e per aumentare le proprie performance sul lavoro.

Se sei un imprenditore sai quanto non puoi permetterti di far calare la tua attenzione o cedere alla distrazione mentre stai lavorando al tuo business, questi piccoli accorgimenti uniti ad una dieta bilanciata e a un po’ di sano movimento potrebbero garantirti una svolta positiva della tua vita e anche della tue prestazioni lavorative.

Bisogna fare attenzione però all’azione controproducente sul nostro corpo se non si fa caso alla quantità di caffeina che disponiamo al giorno.

In particolar modo, l’effetto stimolatore che induce il caffè può per contro produrre un’eccessiva quantità di succhi gastrici e questo può provocare condizioni a rischio per l’apparato digerente come gastriti e ulcere, per cui se sei soggetto a cattive digestioni ti suggerisco di limitare le tue pause caffè.

Molti dicono che “Il caffè fa digerire” ed è vero, ma solo se bevuto nelle dosi consigliate, altrimenti è una bevanda che può provocare, a lungo termine, l’effetto contrario.

In più, ti suggerisco di evitare di bere caffè davanti al computer mentre stai ancora lavorando, bere caffè non è un’attività da fare da multitasker.

Goditi il tuo momento di relax e consuma la tua tazzina di caffè in tranquillità.

Questo ti aiuterà anche a percepirne meglio il gusto e le proprietà benefiche che questa bevanda ti sa donare, senza renderlo solo “una cosa da fare” mentre se ne fanno altre 1000.

Riconoscendo quel momento di tranquillità come un momento unico riuscirai a darne il giusto valore ed eviterai di abusarne
 in ogni momento.

Per una persona è indispensabile mantenere alti i livelli di concentrazione per godere di un buon sonno.

La caffeina necessita di almeno 12 ore per essere smaltita sufficientemente dal nostro corpo per cui, consumare troppo  caffè può portare a un riposo non ottimale e in gravi casi     anche ad insonnia.

Privarsi di un buon riposo e di sufficienti ore di sonno 
rischierebbe di diventare causa di malesseri che si ripercuoterebbero sulla vostra attività lavorativa e sugli 
obiettivi che vi siete prefissati.

In definitiva, anche io non riuscirei mai a fare a meno del caffè ma, berlo “responsabilmente” diventa uno strumento da   
sfruttare a nostro vantaggio per dare il massimo nel rispetto 
della nostra salute e col fine di gestire sempre meglio le nostre abilità sul lavoro.

E tu quanti caffè prendi al giorno? E’ anche per te una
bevanda che in qualche modo ti aiuta ad aumentare le performance
sul lavoro tra una task e l’altra?

Scrivicelo qui sotto nei commenti!

Nessun commento:

Posta un commento